Alla scoperta della Mozzarella della Legalità

Alla scoperta della Mozzarella della Legalità

con Nessun commento

In queste giornate torride, quando arriva la sera, non c’è nulla che io desideri più di una bella insalata fresca. Sono una vera fan delle insalate: mai banali, ci si può mettere davvero di tutto (qualche giorno fa ne ho inventata una incredibile – sotto gli occhi dubbiosi della mia famiglia: feta, pesche, noci e rucola, un vero sogno!).

In realtà, però, la mia preferita è un’insalata molto classica: la caprese. Un vero condensato di italianità, nei colori e nei profumi, è realmente il mio piatto forte dell’estate! Rigorosamente con pomodori san Marzano e basilico fresco, l’ingrediente che fa davvero la differenza è la mozzarella di bufala.

 

Oggi vorrei parlarvi proprio della mozzarella di bufala, ma non di una qualunque… di una mozzarella molto speciale, che vi sarà capitato di trovare più volte tra gli ordini collettivi della Bottega. Si tratta della mozzarella di bufala prodotta dalla Cooperativa “Le terre di don Peppe Diana“ di Castelvolturno.

 

La Cooperativa, costituita nel 2010 tramite un bando pubblico, ha avuto in affidamento la tenuta agricola appartenuta al boss Michele Zaza a Castelvoluturno. Con passione e coraggio, ha fin da subito saputo prendersi carico del riscatto di questi luoghi, dando vita ad una fattoria didattica, con cui fa entrare in contatto i più giovani con il mondo dell’agricoltura, ed al caseificio che produce la “Mozzarella della Legalità”, che è diventata il primo prodotto campano ad essere realizzato su terre confiscate alla camorra.

 

Parte del consorzio “Libera Terra Mediterraneo”, la Cooperativa si impegna accanto a Libera per costruire una cultura della legalità, che usi realmente tutti gli strumenti possibili per diffondere il suo messaggio: dall’educazione delle giovani generazioni, alla cultura, alla creazione di sinergie politico-culturali in grado di dare vita a un cambiamento reale.

 

Così, se in queste calde serate d’estate anche voi sceglierete di gustare una caprese con questa mozzarella, fatelo con tutta la gioia possibile: perché state gustando i sapori di una terra, la nostra, che con l’impegno e la dedizione di donne e uomini che credono in un cambiamento reale, lento e quotidiano, può forse cominciare a portare i suoi frutti. Quei frutti veri, che richiedono fatica e coraggio, ma che sanno essere realmente buoni per tutti.

ValeriaDiG
Segui ValeriaDiG:

Sono una giovane studentessa di filosofia e una volontaria presso la bottega Amandla di Bergamo. Amo raccontare storie, quelle di persone, di progetti, di comunità e di sviluppo. Buona lettura!

Lascia una risposta